Presentazione

Palma-lucePalma Vitae, la palma della vita. È questa l’immagine che abbiamo scelto per evocare la Donna.

Si provi ad osservare una palma: la verticalità del tronco e l’armonia delle foglie disposte a raggiera evocano immediatamente il simbolo della bellezza e dell’armonia.

Da sempre la palma è associata alla donna. Nell’area mediterranea il miglior complimento a una donna consisteva  nel paragonarla ad una palma, come testimoniano per esempio i versi del Cantico dei Cantici, dove lo sposo loda la bellezza della sposa dicendo:” Quanto sei bella, come sei graziosa, amore mio, delizia mia. Sei slanciata come una palma”.

E Ulisse nell’Odissea, stupito per l’apparizione di Nausicaa, esclamava:” Vidi una volta a Delo, accanto all’altare di Apollo, levarsi così un giovane germoglio di palma”.

Gli egizi associarono la palma da datteri a una divinità femminile, Hathor, considerata la patrona dell’amore.

In greco venne chiamata phoinix, come il leggendario uccello che viveva 1461 anni e moriva per poi rinascere dalle sue ceneri.

Questo albero evocò anche i simboli della immortalità, della vittoria e della gloria.

I cristiani tradussero tutti questi simboli nel linguaggio della Rivelazione. Nella palma s’incarnò il simbolico albero che collega cielo, terra e nutre l’universo, l’Albero della vita.

Da qui PALMA VITAE, la palma che rappresenta la vita tra cielo e terra, l’albero che nutre, simbolo di immortalità, ascensione, vittoria, gloria.

Se nell’ antichità la palma viene paragonata ad una donna, rappresentandone la bellezza, la natura generosa, la madre nutrice, oggi riprendendo tutti gli altri significati di forza, dignità, resistenza alle intemperie, rinascita e vittoria, immortalità, l’associazione Palma Vitae promuove queste caratteristiche in quanto  elementi sostanziali dell’essere Donna.